1

“GrecoBarocco” Itinerario da Noto a Marzamemi

“GrecoBarocco”  itinerario storia  arte  e natura
Noto  Vendicari  Marzamemi 

Siamo nella parte sud orientale dell’isola, area dell’isola ricca di luoghi dove la cultura ellenica  ha  lasciato vistose tracce ,  area geografica dove l’architettura del barocco Siciliano trionfa.

L’itinerario collega su di un immaginario asse , la barocca Noto , la Riserva di Vendicari ed il suo patrimonio storico naturalistico , ed il borgo marinaro seicentesco di Marzamemi , luoghi ricchi di storia architettura evidenze archeologiche e natura splendidamente  fuse insieme , prerogativa della nostra amata Sicilia .

Il tour inizia ( o finisce ) dalla cittadina di  Noto celebre per il suo ampio repertorio di Barocco Siciliano , raccontiamo  le fasi della sua ricostruzione dalla originaria sede di fondazione posta sul monte Alveria alla nuova ed attuale sede settecentesca , scopriremo alcune delle chiese maggiori , il loro stile architettonico gli elementi caratteristici del barocco  Siciliano e le influenze di architetti locali su di questa .  In aggiunta includiamo la visita  di una sopravvivenza di epoca Romana in particolare una “Statio” residenza  per viaggiatori facoltosi dell’epoca  risalente al VI secolo e una greco siceliota  del IV secolo a.c. 

Il tour prosegue nell’area della Riserva di Vendicari grande sistema dunale , oggi importante riserva faunistica e naturalistica , distesa sul golfo di noto. Andremo alla esplorazione  dell’area sud e nord (meno conosciuta) della riserva.
Vendicari da molti conosciuta e visitata prevalentemente come area naturalistica si trova al centro di una storia molto più articolata con interessanti testimonianze che dal periodo Romano si estendono alla Sicilia Bizantina , sono questi gli aspetti su cui  porremo l’accento.

L’itinerario si conclude presso Marzamemi, antico villaggio nato attorno alla antica tonnara  fondato con “licenzia populandi” da una nobile famiglia locale , in epoca medievale. Marzamemi ancora oggi sfoggia  un’anima antica  che sopravvive tra la piccola piazza del borgo , le ex abitazioni dei tonnaroti , l’antica tonnara e i capanni per la lavorazione del  tonno sopravvissuti come memento.

L’area è  zona vitivinicola d’eccellenza , per gli appassionati o curiosi proponiamo la possibilità di  inserire  visite alle colture di vite  e degustazioni presso alcune interessanti aziende vitivinicole locali.

In sintesi i contenuti : Escursione (facile) natura , necropoli e architettura  bizantina, archeologia romana , torre medievale Sveva , tonnara spagnola , pantani avifauna , architettura barocca.

Opzioni Itinerario 
Itinerario Noto – Marzamemi 
Itinerario Noto- Vendicari 
Itinerario Integrale 

Come Prenotare
Richiedi un preventivo  (senza impegno)
Per richiedere il programma in dettaglio
Scrivi: info@turismoambientalesicilia.it – info@ctasicilia.it

Contatti :  3407258473 –3457306841
WhatsApp3407258473 




Sicilia Sud Est itinerari rupestri da Siracusa a Ragusa

Sicilia Sud Est Itinerari rupestri da Siracusa a Ragusa

Siracusa Ferla Palazzolo Acreide Ispica Scicli.

L’area Sud Est della Sicilia (da Siracusa a Scicli ) nasconde un incredibile patrimonio culturale e naturalistico che ,nel suo insieme ,può trasformarsi in una serie di  tappe imperdibili per  viaggiatori culturali e naturalistici non convenzionali.

Il capitolo rupestre corrisponde ad una pagina  della storia dell’isola  poco nota , in genere appannaggio  di appassionati . Per chi invece desidera andare oltre il consueto previsto dalle visite turistiche “classiche” questa esperienza offre la possibilità di  apprezzare aspetti del territorio e della sua storia capaci di appassionare ed emozionare.

La tradizione  storica della  Sicilia orientale, ha da sempre attinto dalle culture d’oriente di Siria Palestina Egitto importando una tradizione cultuale e abitativa  abituata a ricavare spazi per usi diversi nella roccia calcarea o di arenaria. Oggi molte di queste memorie sopravvivono nelle strette valli carsiche che caratterizzano l’orografia calcarea dell’area geografica compresa tra Siracusa Ragusa ed Enna.

Proprio nell’area compresa tra Siracusa e  Scicli , fuori  dai circuiti di visita convenzionali, si trova un articolato complesso di beni culturali rupestri  poco visitati e poco raggiungibili . Coprono un arco temporale tra il IV secolo a.c. al XIII secolo, costituiscono uno straordinario contributo alla conoscenza della nostra cultura isolana oltre  che dell’ambiente naturale collegato. 

Antichi luoghi di culto , cappelle scavate nella roccia , icone bizantine o medievali , piccoli villaggi trogloditici , antichi luoghi di sepoltura questo ed altro divengono un’affascinante diversione rispetto mete già note.

Per raggiungere questi luoghi ameni ci si muove  in contesti naturali e ambientali di assoluto fascino esplorando declinazioni del territorio immerso nella splendida natura mediterranea.

Il Tour
Le località interessate  (non tutte) sono dislocate  su due provincie Siracusa città ( e dintorni) con Palazzolo Acreide , Ferla (Parco di Pantalica) e Ragusa con Scicli e Ispica . Lungo gli itinerari sono previste soste e commenti di siti di interesse.

Il Tour è consigliato (ma modificabile)  nelle seguenti opzioni:

Opzione Siracusa
1) Siracusa + Ferla
2) Siracusa  + Palazzolo Acreide  

Opzione Ragusa
Scicli – Ispica  

Per richiedere il programma di visite in dettaglio

Come Prenotare
Richiedi un preventivo  (senza impegno)
Per richiedere il programma in dettaglio
Scrivi: info@turismoambientalesicilia.it – itinerari@ctasicilia.it

Contatti :  3407258473 –3457306841
WhatsApp340725847 




Sicilia Orientale Tour Sulle Orme di Bisanzio Itinerario tra storia architetture arte culto e natura

Sicilia Orientale Tour Sulle Orme di Bisanzio Itinerario tra storia architetture arte culto e natura
Siracusa Catania Messina

Uno tra i più interessanti itinerari dedicati alla scoperta della Sicilia Est versante Ionico un filo conduttore una storia appassionante tre città i loro dintorni , e le tre aree naturalistiche collegate, icona di quest’area geografica e culturale dell’isola

Il tour è perfetto sia  per chi , in procinto di visita in questo versante della Sicilia, voglia scoprirla sotto una nuova veste , sia per chi voglia  dedicarsi alle visite  turistiche “classiche” (Etna, Siracusa greca, Taormina) coniugandole con tour  urbani ed extraurbani in una modalità di esplorazione meno convenzionale.

Nell’immaginario collettivo del viaggiatore alle parole Grecia e Sicilia corrispondono visite ai teatri ellenici , le acropoli, i templi,  gloriosi resti della colonizzazione greca avvenuta tra l’VIII e VII secolo a.c. eppure in  Sicilia lingua e cultura greca sono  andati ben oltre , a partire dal VI-VII  secolo con il capitolo “Bizantino” si aprì sull’isola una stagione storicamente tumultuosa con  uno straordinario lascito in termini  di patrimonio culturale oggi poco conosciuto.

Testimonianze , insediamenti  arte e architettura d’Oriente in Sicilia  possiamo trovarle nel Val Demone (attuale provincia di Messina) con le bellissime architetture dei  Cenobi “Basiliani”  del monachesimo ortodosso,  nel Val Di Noto  (Provincia di Catania e Siracusa) troviamo con fatica “strane”  chiese circolari dal tetto a cupola  “triconche” o tricore ,  tra la provincia di Siracusa e Ragusa (tavoliere Ibleo)  in località come Ferla , Sortino , Lentini scopriamo inmmersi nella natura siti rupestri  , minuscole chiese e oratori scavati nella roccia calcarea , luoghi dediti all’ascetismo di provenienza Siriaca e Egizia , luoghi in cui sopravvivono straordinari cicli pittorici di arte figurativa sacra realizzata da monaci-pittori
I centri storici 
anch’essi non fanno eccezione , a Siracusa con uno straordinario ciclo pittorico di arte figurativa bizantina protetto nel sottosuolo a Catania con il suo itinerario  architettonico e pittorico dal VII al IX secolo a Messina con una originale architettura religiosa medievale conservata nell’antica quota di Messina ante terremoto 1908.  

L’itinerario svela tutte queste, ed altre ,testimonianze di questa cultura d’oriente l’evoluzione dei suoi insediamenti , la sua arte , luoghi di culto , la liturgia  il contesto storico,  la società e il territorio al tempo di queste vicende , alternando itinerari e scorci nei luoghi più belli e fascinosi dei centri storici urbani coinvolti come delle aree naturalistiche limitrofe. Non saranno trascurate informazioni su storia monumenti e siti di rilievo coincidenti con le tre città oggetto del Tour 

Il tour  può  svolgersi tappe o essere fruito in frazioni ,  sebbene il meglio di se lo offre nella versione integrale .Le visite urbane e naturalistiche dove possibile rispettano la cronologia della storia e dei siti  dal  VI al XIII (Sicilia Bizantina Araba Normanna )  di questa cultura “d’oriente” di Sicilia. 

Luoghi del Tour: Siracusa centro storico , Lentini , Riserva Naturale di Pantalica , Ferla – Catania centro storico , Parco fluviale dell’Alcantara , Castiglione di Sicilia  – Messina centro storico , Fiumara d’Agrò,  Castelvecchio Siculo , Savoca.

Opzioni tour :
Tour Siracusa durata 1/2 o 1 giornata
Tour Catania durata 1/2 o 1 giornata
Tour Messina durata  1/2 o 1 giornata 
Tour Integrale  durata gg 3 

Info generali 
Tema : La Sicilia Bizantina architetture culti ambiente arte e storia locale 
Accompagnamento di tipo : Privato
Prenotazione on line : Obbligatoria 
Data: A richiesta (salvo indisponibilità)

Come Richiedere un Tour
Richiedi Preventivo  
 Info rapide WhatsApp al 3407258473
Contatti : 340 7258473 – 345 7306841




Siracusa Itinerario d’arte Bizantina La pittura rupestre in grotta

Siracusa Itinerario d’arte Bizantina la pittura rupestre in grotta

Ci troviamo tra Siracusa e l’immediata provincia .
Nei tempi oscuri della dominazione Islamica in Sicilia , la fiamma della pittura bizantina  non si era spenta del tutto , monaci d’oriente , eremiti sparsi nelle cave nelle forre e nelle fiumare della Sicilia orientale  avevano dato vita ad un’arte figurativa povera ma suggestiva , lo scopo era testimoniare per immagini di santi  la verità della fede .  Nasce e si sviluppa in questo periodo (IX-XI secolo) un’ arte pittorica “provinciale” e segreta al chiuso delle grotte , nei romitori , nelle minuscole chiese rupestri. Protagonista di questa pauperistica forma d’arte il “Monaco-pittore”a metà tra asceta , poeta della fede di lingua greca e credo cristiano ortodosso. 

L’itinerario originale e  unico per varietà di contesti ambientali e siti storico archeologici chiamati in causa , mostra  gli ultimi respiri  di questa affascinante  quanto rara arte , ancora oggi sopravvissuta in grotte e anfratti del Siracusano , conducendo il viaggiatore alla scoperta di siti storici marginalmente toccati dal turismo commerciale fuori dagli itinerari turistici .

Il Tour  si presenta in due modalità , storico urbano e storico naturalistico quest’ultimo permette di immergersi nella nella natura delle strette valli carsiche del Siracusano con vedute mozzafiato, esplorando tra sentieri in quota e anfratti calcarei  i luoghi del cenobitismo greco , alla scoperta delle “laure” (cavità ad uso dei monaci dediti all’ascetismo religioso)  , oratori e piccole  chiese rupestri residui della Sicilia bizantina.

Visite e località  : Siracusa città , Sortino ,Ferla ,Cripta di san Marziano Oratorio dei martiri , Grotta del Crocifisso, Grotta di San Micidiario, Grotta di San Nicolicchio, Città di Lentini

Richiedi programma per :
Tour Storico Urbano
Tour  Storico Naturalistico
Tour Storico Urbano Città di  Lentini 
Tour Integrale 

Info generali 
Tema: Arte sacra in ambienti rupestri , grotte e oratori medievali in ambienti naturali. 
Accompagnamento di tipo : Privato
Prenotazione on line : Obbligatoria 
Data: A richiesta (salvo indisponibilità)

Come Richiedere un Tour
Richiedi Preventivo   (senza impegno)
 Info rapide WhatsApp al 3407258473
Contatti : 340 7258473 – 345 7306841

(Ideazione & Progettazione : Dott. Francesco Schillaci) 




Via Helorina l’antica via Greca nel golfo di Noto-Vie Elleniche della Sicilia Orientale

[:it]”Via Helorina” l’antica via Greca nel golfo di Noto – Vie Elleniche della Sicilia Orientale 
Noto Eloro Vendicari Cittadella

Possiamo definirlo a giusto merito il più bell’itinerario costiero della Sicilia Orientale , un concentrato di bellezza , storia , archeologia , natura , flora e fauna , che trova pochi eguali  in tal modo in tutta l’isola.

“Helorina”, era l’antico tracciato viario che sviluppandosi prevalentemente lungo la costa o in sua prossimità , collegava in epoca arcaica (VIII – I secolo a.c.) la potente Siracusa con Eloro piccola  città disposta su di un promontorio affacciato sull’omonimo fiume per proseguire poi  lungo la costa verso sud.

Oggi l’itinerario è stato da CTA Sicilia ripreso con un occhio alla natura del territorio  e un altro sui siti di valore storico e archeologico che lungo di questo si svolgono con straordinaria  alternanza cronologica narrandoli  lungo i circa 10.000 passi che totalizzano il percorso (7 km)

Contenuti generali  : Si inizia da Noto  con Eloro città siculo greca , la sua  storia la sua organizzazione e disposizione urbanistica , le sue torri e mura, l’antica  via di collegamento che la attraversava , si passa poi alle latomie le cave estrattive utilizzate in epoca greca e in epoca medievale  disposte lungo il mare , si visita una  proto tonnara di epoca romana e quella spagnola , il sistema dunale  con cui “respira”la riserva di Vendicari, commentiamo la torre caricatore Sveva , le colture cerealicole che trovavano riparo al suo interno , la sua architettura e il suo costruttore originale  e gli usi di queste tra il XIII e il XVII secolo , si esplorano i pantani quelli meno noti con la loro flora e fauna , ci si addentra alla necropoli  le sepolture scolpite nella roccia calcarea del villaggio Bizantino narrando dei suoi abitanti e dei culti greco cristiani  alto medievali , si analizza l’architettura della chiesa circolare con tetto a volta circolare conosciuta come “tricora” e della sua  lontanissima origine , si esplora il fiume tellaro  e la straordinaria domus romana completa di mosaici , affacciata su di esso.

Il Percorso può essere  frazionato in tratte distinte  e modulabili per  durata e voglia di camminare, racconta la storia di questi luoghi  a partire dalla colonizzazione sicula , per addentrarsi in  quella greca “siceliota” , la fase bizantina , normanna e aragonese dell’intero tratto.

Il racconto include anche  la storia del  “tenimentum di vindices” di epoca medievale oggi conosciuta come Vendicari nota riserva naturalistica , esplorandone parti  sconosciute e svelandone natura e funzionamento dei pantani  prima che divenisse quella straordinaria esperienza naturalistica  che è oggi.

Il Percorso è facile , prevalentemente in piano , e costeggia per larga parte il mare o la sua prossimità ,  consentendo di effettuare soste e visite spettacolari per panorami e siti di valore storico archeologico.

Tappe: Noto, Eloro, Foce Stampace, Marianelli , Calamosche, Balsamo,Torre di Vendicari ,Punta di Isola, Foce pantano Sichilli, pantano Scirbia, Cittadella. 

Abbigliamento: idoneo alla stagione , scarpe da trekking , zaino ,berretto, binocolo.

Opzioni :
Itinerario Integrale : Durata h. 7  (Solo da Maggio a Ottobre)
Itinerario Intermedio: Durata h. 4,30 
Itinerario Base:  Durata. h. 2,30

Info generali 
Accompagnamento di tipo : Privato
Prenotazione on line : Obbligatoria 
Data: A richiesta (salvo indisponibilità)

Come Richiedere un Tour
Richiedi Preventivo   
 Info rapide WhatsApp al 3407258473
Contatti : 3407258473 – 3457306841

(Ideazione & Progettazione : Dott. Francesco Schillaci) 




Pantalica Archeologica Itinerario Sortino Ferla

Pantalica Archeologica itinerario storico naturalistico
Sortino – Ferla 

Pantalica itinerari medievaliA pochi minuti da Siracusa , la riserva naturalistica di Pantalica  si estende nel cuore degli Iblei , tra le provincie di Catania e Siracusa.
Caratterizzata  da un altipiano carsico inciso da profonde valli fluviali, comprende all’interno della sua area , rispettivamente il fiume Anapo e il  torrente Calcinara .

La riserva è accessibile da ingressi posti in corrispondenza di comuni diversi come Ferla e Sortino , al suo interno è percorsa da una IMG_9851serie di sentieri in terra battuta , incassati tra le roccie carsiche , a strapiombo su valli arboree con vedute mozzafiato , o scolpite  sui fianchi dei costoni  a strapiombo su entrambi i fiumi.

Questa  proposta di itinerari insiste marginalmente  su contenuti prettamente  escursionisti/naturalistici , IMG_9865mentre  pone  l’accento sugli  aspetti storici e archeologici  di cui  il parco , nel suo insieme, ne è una straordinaria testimonianza .

Pantalica può essere considerato  uno dei maggiori musei archeologici a cielo aperto di Sicilia , oltre che una delle più vaste necropoli d’Europa. 

Lungo gli innumerevoli  sentieri , ed in molti casi fuori da essi, è IMG_9893raccontata una pagina della storia e della cultura non solo Siciliana  ma dell’intero bacino del Mediterraneo con evidenze archeologiche  e cultuali che dal XII secolo a.c. si spingono fino al medioevo centrale ed oltre.

IMG_9355Dalla protostoria della Sicilia , agli scambi siculo micenei e poi fenici ,le persecuzioni cristiane , il monachesimo d’oriente , la colonizzazione islamica e poi normanna questi sono  alcuni dei capitoli scritti tra le pietre , nelle grotte negli anfratti  e nelle evidenze archeologiche  protette da oltre 3000 anni nelle valli carsiche di Pantalica che possono essere scoperti  percorrendo  i  chilometri di sentieri  IMG_9361presenti nel parco.

Visitare pantalica senza scoprire a fondo il suo significato storico a nostro avviso sarebbe sprecare una occasione unica  per comprendere pagine non ufficiali della storia isolana,  ben oltre IMG_9382 l’aspetto puramente escursionistico .

La scelta dei sentieri proposti da CTA Sicilia si basa  non sui contenuti naturalistici e archeo-storici presenti in tutti , quanto nella  disponibilità di tempo e di cammino che si voglia approntare per questa straordinaria esperienza. 

N.B. Il Tour può essere collegato ad altre 2 passeggiate: 1  sul temi  del  barocco siciliano originale  degli Iblei  la seconda incentrata  alle sepolture micenee scavate sul  mare.

La proposta si articola in :
Itinerario Base : durata h. 2,30 circa 
Itinerario Avanzato : durata  h. 3,30 circa  (dislivelli presenti )
Itinerario : Escursionistico durata h. 4,30 circa (dislivelli presenti ) 
Passeggiata Facile  : durata h.2,00 (ideale per minori e senior)

Come Richiedere un Tour
Richiedi Preventivo  
 Info rapide WhatsApp al 3407258473
Contatti : 340 7258473 – 345 7306841




Terre di Vendicari itinerario tra Casali Torri e Tonnare

Terre di Vendicari  itinerario tra Casali Torri e Tonnare

Eloro – Vendicari – Marzamemi 

Terre di Vendicari itinerarioCi troviamo nell’Area della Sicilia sud orientale , Terre di Vendicari è un itinerario che ben rientra tra quelli  di Turismo Ambientale Integrato , una proposta che coniuga splendidamente : storia, cultura locale e ambiente naturale. Si svolge in una delle aree geografiche tra le più ricche di tesori archeologici ,storici e naturali della Sicilia Orientale.

Ci troviamo alla estrema periferia di Noto città barocca , l’itinerario inzia dalla costa con l’area archeologica  di Eloro , colonia 1447964275-0-127-mila-visitatori-a-vendicariCorinzia fondata alla fine del VIII secolo a.c.  prosegue  per la Riserva Naturalistica di Vendicari , si conclude al borgo marino di Marzamemi  distante circa 20 km da Noto.  

I casali , le torri e le tonnare presenti e identificabili lungo il nostro cammino , costituiscono il filo conduttore  narrativo , ma non unico,  che cercano di inquadrare al viaggiatore curioso  i collegamenti e le ragioni dei siti maggiori presenti come  :  la Polis Siceliota di Eloro , la  Villa di epoca romana detta del Tellaro , la Torre fortificata , la tonnara e la proto tonnara presente sulla riserva di Vendicari  ed anche il collegamento con la tonnara di  Marzamemi , il villaggio bizantino con relative sepolture catacombali di Vendicari sud . Il tour cerca di fornire una visione d’insieme dei luoghi , la storia e i collegamenti dei siti presenti. 

vendicari 047Eloro: Situato su una bassa collina (m 21) in prossimità del mare, poco a nord della foce del Tellaro, l’insediamento urbano di Eloro fu fondato alla fine dell’VIII secolo a.C. da un gruppo di coloni corinzi come avamposto degli interessi siracusani verso la costa meridionale della Sicilia.  La zona meglio conosciuta è quella a sudovest, dove sono state esplorate alcune case databili dalla fine dell’VIII secolo alla metà del IV secolo a.C. All’imponente rinnovamento urbanistico che interessò tutta l’area a partire dalla seconda metà del IV secolo a.C. è riconducibile il basamento di un tempietto, forse dedicato ad Asclepio, e un tempio più grande, prostilo tetrastilo, collocato nella parte più meridionale della città, identificato come un santuario di vendicari 066Demetra.

L’oasi naturale di Vendicari  è una immensa riserva situata tra le vendicari 019provincie di Siracusa e Ragusa , nelle vicinanze di Marzamemi piccolo borgo di mare poco distante . L’area posta al termine dell’altipiano Ibleo  oltre ad essere una famosa area ambientale costiera  tutelata e ricca di flora e fauna è anche luogo di storia e cultura d’eccellenza.

Vendicari è anche un interessante museo a cielo aperto la  celebre riserva naturalistica , un tempo remoto (VIII secolo a.c.) fù terra abitata da Elleni , Sicelioti , Romani e poi ancora casale  e tenimentum  in epoca medievale.

800px-Pantano_VendicariI pantani della riserva , grandi superfici di acqua salmastra di bassa profondità che caratterizzano la riserva,  offrono  riparo e ristoro all’avifauna un tempo furono saline poco distante da essi sorgevano cave utilizzate per la costruzione di Eloro città Siceliota dell’VIII a.c.

Le aree circostanti alla zona del nostro itinerario , furono “chora” ellenica  ovvero luoghi di produzione cerealicola in epoca romana, nel tardo antico l’area oggetto del nostro itinerario  fù anche utilizzata come approdo nautico IMG_5607commerciale per poi divenire  Casale aperto in epoca medievale . 
Una area geografica e territoriale quindi ricchissima di memorie, testimonianze , tesori archeologici , storici e ambientali .

IMG_5573A Vendicari  scopriamo in particolare l’area sud della riserva ,  poco  battuta , sconosciuta al grande pubblico, un’area che mette insieme natura di incredibile bellezza tra terra e mare e sito di valore archeostorico  ricco di  testimonianze nell’oblio della solitudine.IMG_5605

Il percorso interamente naturale si dipana tra macchie di ogliastro ,muretti a secco in pietra bianca ,arbustivi tipici della macchia marina mediterranea.
Il tracciato in terra battuta ci conduce alla scoperta di un antico villaggio panoramica-spiaggia-cittadella-oasi-di-vendicari-sicilia-marzamemimedievale denominato  Li Maccari un villaggio bizantino documentato già dal VI secolo.

Il villaggio oggi è certamente un esercizio di non facile individuazione , ma esplorandolo tutto  con attenzione si svela e si fa intuire grazie anche ai numerosi reperti presenti in molte forme e dimensioni cocci inclusi . Certamente  le testimonianze più evidenti sono  la “strana” mosaici004_ridimensionare-copiachiesa dal tetto a vela e dalle absidi a triconco , assorbita all’interno di una struttura rurale recente , le cui origini di stile si perdono nella architettura pagana romana ,poco distante la necropoli sotterranea con i suoi arcosoli e cubicola e fosse terragne , altri particolari interessanti sono da scoprire nella macchia e tra gli arbusti da cui possono trarsi  una serie di
ipotesi su questo luogo al tempo.  

Meta successiva  la antica villa romana Villa del Tellaro  risalente  al  IV secolo d.c. di 6000 IMG_5622m2,  di proprietà di una antica e nobile famiglia romana , i cui mosaici spiccano per soggetto , tonalità e i colori policromi di incomparabile bellezza . N

spiaggia-cittadella-dei-maccari-vendicari-620x412

L’escursione si conclude al borgo di Marzamemi con una esplorazione delle strutture della ex tonnara presente e del museo dedicato alla storia del vino e della sua antica coltura 800centesca .
Conclude la piazza-regina-margherita-marzamemi-sicilia2 visita una azienda vitivinicola locale che ben rappresenta la cultura del vino di questa zona con una passeggiata tra le vigne per capire la sua carta di identità produttiva e respirare la natura della vigna  e del vino  quando ancora in arbusto e poi, all’ombra del pergolato, una degustazione dei vini  accompagnata da stuzzichini , con il mare che occhieggia proprio di fronte.

Info generali 
Accompagnamento di tipo : Privato
Prenotazione on line : Obbligatoria 
Data: A richiesta (salvo indisponibilità)

Come Richiedere un Tour
Richiedi Preventivo   
 Info rapide WhatsApp al 3407258473
Contatti : 340 7258473 – 345 7306841




Oratori cave e “pirrere” Siracusa e dintorni

Siracusa e dintorni Oratori cave e “Pirrere” 
Siracusa  – Priolo – Melilli 

Nelle immediate vicinanze e sobborghi di Siracusa vi è una lunga serie di località  “minori” dove è possibile   scoprire un straordinario repertorio di beni culturali e ambientali di estremo fascino oltre che di rara o difficile fruizione .

Questo itinerario offre al viaggiatore che sta programmando una sosta  a Siracusa, una proposta  di visite urbane ed extra urbane con inizio da Siracusa  centro per poi procedere verso altre  affascinanti frazioni limitrofe , in questo itinerario saranno Priolo e Melilli e dintorni

Il filo conduttore è la “Pirrera”  col significato generico di cava luogo dove i cavatori di pietra diventano “perratores” da cui il termine siciliano “pirriaturi” centro del nostro itinerario la pietra bianca locale grande protagonista nella costruzione e “ricostruzione” nei secoli di questa parte della Sicilia dei suoi centri maggiori e minori , attore principale nella realizzazione della sua monumentalità  ma anche elemento che specularmente dai  “vuoti” prodotti delle sue escavazioni  (le pirrirere) ne ha ricavato nei secoli , luoghi di culto , di ricovero e di protezione.

L’itinerario ,come sempre negli itinerari di CTA Sicilia, diventa pretesto per offrire una  chiave di “lettura”del territorio diversa e non convenzionale , guidando il visitatore alla scoperta di  luoghi borghi e “contenuti”  fuori dai circuiti di visita turistica canonici.

Il tour segue una “rotta” principale sul tema dei luoghi di culto e delle cave da estrazione addentrandosi  alla scoperta di  luoghi sacri  di diversa cultura e 60a7orientamento  pagani , cristiani ed ebraici in una serie di alternanze tra ipogei ,grotte e catacombe utilizzati quali luoghi di culto a partire dal I secolo d.c. con il loro repertorio di arte sacra a corredo , guida alla esplorazione ambientale di  cave a cielo aperto e gigantesche cave sotterranee “pirrere” con corridoi ciclopici utilizzati ancora nei primi del 1900 come cave di pietra , visita cisterne di epoca greca  trasformati in cenobi bizantini scavati nel tufo con pitture parietali straordinarie.

mare 603Durante il tour sul tema  principale si innestano una straordinaria alternanza di “punti di vista” per Siracusa gli accenni storici fondamentali della sua monumentalità barocca e dello sviluppo della sua urbanistica storica , a Priolo i siti archeologi maggiori di origine Micenea , le torri borboniche , i pantani con la avifauna , a Melilli le sue chiese barocche nel centro storico del piccolo borgo posto sui monti Climiti e le sue catacombe bizantine di straordinario fascino e rarità.  

Per lunghezza e numero di siti da visitare il Tour può essere fruito nelle catacombe-s.l-1-_1-300x200seguenti opzioni:

Siracusa Tour urbano
Durata h 3,00 ore 
Siracusa Tour extra urbano
Durata h.3,30
Siracusa  Tour misto  
Durata Giornata intera

Come Prenotare
Richiedi Preventivo  
Per richiedere il programma in dettaglio
Scrivi: info@turismoambientalesicilia.it – itinerari@ctasicilia.it

Contatti : 3407258473 –3457306841
WhatsApp3407258473




Civiltà di pietra nelle cave Iblee

 Civiltà di pietra nelle cave Iblee
Cava di Bauli – Santa Lucia di Mendola – Valle Bibbinello 

Siamo nella SiciliaOrientale prossimi a Siracusa .
Ci muoviamo negli Iblei , tavolato calcareo compreso  tra le provincie di Ragusa
Catania e Siracusa . Il nostro Tour si muove in una area geografica compresa tra le località di Palazzolo Acreide  e Noto. 

Per  diere si intende una costruzione tipica del territorio di Siracusa  scavata nella roccia calcarea. Il termine deriva dall’arabo diyar (casa), esso infatti indica una casa rupestre abitata in epoca araba e bizantina.

In questa zona  tra le cave  carsiche , e valli boschive esploriamo  rimanenze territoriali di  feudi medievali , come la valle del Baulì ed il suo bosco e le aree limitrofe. Siti  di straordinario valore e suggestione, testimoni muti di una storia della Sicilia compresa tra il 400  e il 1200 ,fuori dalle rotte consuete per i viaggiatori che arrivino presso Siracusa  e Noto , ci inoltriamo alla scoperta di tre straordinari luoghi , ognuno diverso dall’altro tutti colmi di fascino  e misteriosi. 

I dieri della valle del Bauli  sono uno straordinario dedalo di  grotte  scavate su pareti verticali4Dieri_di_Bauli_06 scolpite  nella roccia calcarea  , inaccessibili  e articolate in veri e propri “condomini” con camminamenti in gallerie  orizzontali scavati nella roccia  e collegamenti  verticali tramite scale scolpite nella roccia che mettono in  collegamento diversi ambienti ipogei , quì  trovavano  protezione  piccoli raggruppamenti umani in fuga dalle persecuzioni religiose  sia cristiane  che islamiche.

La paleo chiesa di Santa Lucia di Mendola è un articolato complesso di  siti sia sotterranei che di superficie intitolati al culto di una martire  (omonima della Lucia  patrona di Siracusa) di epoca bizantina , chiesa caratterizzata da un  profondo ipogeo  scavato in profondità (oltre 15 mt) si offre con un ambiente di grandi dimensioni e raggiungibile da una stretta scala intagliata nella ddieri_di_baul___1504089577pietra. In superficie invece una chiesa – santuario di epoca normanna immersa nella natura ci intratterrà per altre osservazioni .

Chiesa rupestre di  Bibbinello si trova nella  omonima valle solcata dal fiume bibino , in un ambiente naturale di estremo fascino ,ricchissimo di fauna e flora . Esploreremo la più grande chiesa rupestre scavata ,presente in questa parte dell’isola , oratorio e poi chiesa fino all’IVI secolo e poi abbandonata in epoca araba . Essa  mostra ancora i segni e le rimanenze chiesastiche ,  dei culti del tempo e le  successive evidenze subite utili  quale ricovero per animali.Screenshot 2017-03-23 18.22.15

Indica il Tour  di interesse 
Tour  Dieri del Bauli
Tour complesso Mendola
Tour Valle bibinello
Tour integrale

Abbigliamento sportivo , scarpe da trekking (consigliate) ,torcia individuale , casco di sicurezza (fornito da CTA Sicilia) 

Richiedi  di partecipare / Richiedi tour
Come Prenotare
Richiedi Preventivo   
Per richiedere il programma in dettaglio
Scrivi: info@turismoambientalesicilia.it – itinerari@ctasicilia.it

Contatti : ita 3407258473 –3457306841
WhatsApp3407258473




I tesori di Buscemi itinerari culturali negli Iblei

I tesori di Buscemi itinerari culturali negli Iblei

Buscemi-Tour(1)Ci troviamo in provincia di Siracusa nell’area  Sud Orientale della Sicilia , sugli Iblei
Posta al centro degli Iblei a 760 mt s.l.m , Buscemi piccolo borgo abitato da 1000 abitanti circa , sorge al centro di un vero e proprio “giacimento” culturale e naturalistico , stretta com’è tra la splendida Valle del fiume Anapo , la necropoli di Pantalica  e Palazzolo Acreide (la piccola Siracusa) , sito ricco di storia , dichiarato patrimonio Unesco.800px-Chiesa_Madre_di_Buscemi_XVII_sec_(by_Scorpios90)

Senza andare oltre Buscemi  è, essa stessa , un vero e proprio scrigno culturale , ricca  di siti archeologici , storici e siti  monumentali  il borgo rappresenta l’archetipo della summa culturale  Siciliana , concentrata  in un unico  luogo.

L’ultima “versione” del paese ovvero quella intervenuta con la ricostruzione dopo l’evento sismico del 1693 , vede a Buscemi una concentrazione di originali chiese Buscemi-Castello3barocche in “perfetto” stile Borromeo o contro-riformato, da manuale scolastico. Esse da sole  valgono la visita  e la narrazione.

Il Tour  esplora lo “Scrigno-Buscemi”  il suo  barocco perfetto con le sue splendide chiese urbane e suburbane , il  castello  medievale normanno del XII secolo , con una escursione naturalistica in valle carsica si esplora  un gioiello di basilica rupestre bizantina di San Pietro decorato da pitture rupestri , il tour si conclude  sopra  il Monte Casale alla scoperta della mitica Kasmenai o Casmene , colonia siracusana  del 644 a.c. , città fortificata con le sue mura ciclopiche lunghe oltre mt 3400.

Richiedi  di partecipare / Richiedi Tour
Come Prenotare
Richiedi Preventivo   (senza impegno)
Per richiedere il programma in dettaglio
Scrivi: info@turismoambientalesicilia.it – itinerari@ctasicilia.it

Contatti : 3407258473–3457306841
WhatsApp3407258473

Open chat
1
Benvenuti su CTA SICILIA. Richiedi programmi e costi direttamente sul tuo smartphone