Borgo Santa Elisabetta e il mistero di Guastanella

Santa-Elisabetta1

Borgo Santa Elisabetta e il mistero di Monte Guastanella

Santa Elisabetta si erge su una zona collinare fra i fiumi Platani e Salso, a 425 m sul livello del mare. Santa-Elisabetta1Dista 12 km da Agrigento, prende il nome , secondo un’antica leggenda, da una principessa araba di nome Elisabetta, convertitasi al cristianesimo.

L’altura di monte Guastanella (609 m s.l.m.) si innalza ripida ed isolata con una vista mozzafiato, in un paesaggio duro e crudo ma dall’estremo fascino, come la Sicilia è in grado di offrire.

Il sito, in epoca antica era di evidente importanza strategica, lo provano gli  insediamenti medievali; un fortilizio, collocato sulla cima più alta, ed un villaggio, testimoniato dalla concentrazione di tegole e frammenti ceramici dell’XI-XIII secolo.

Il Castrum presente su monte Guastanella (609 mt s.l.m.) come altri tipici dell’isola, lo possiamo annoverare tra i numerosi castelli rupestri posizionati  su rilievi naturali a “guardia”di passi e valli di transito, sono generalmente realizzati  sfruttando i sommi di rupi naturali caratterizzati da rocce friabili  realizzandovi  ambienti scavati nella roccia e poi fortificati , ne sono alcuni esempi famosi i Castelli di Aci , Sperlinga,  Mussomeli e  Castiglione.

Qui a Santa Elisabetta , in aggiunta alle  “normali” meraviglie che la Sicilia  cela tra le pieghe meno note del suo territorio, si svolge la trama di  un “giallo” archeologico (*) appassionante che fonde insieme  mito e storia tra ritrovamenti, tracce, tesori e “evidenze”. I protagonisti sono il Re Mini-Minosse , e la sua tomba? Dedalo e Kokalos  re della mitica città Sicana di Kamikos.

Tra escursionismo e archeo-trekking ci muoveremo in questa area geografica nel cuore della Sicilia , che potremmo definire la ridotta dei Sicani , dove le tracce  Sicane sono numerose , e ci parlano con  ambienti e luoghi  straordinari di questo misterioso popolo delle nostre origini, quasi a compensare  le informazioni tramandateci da cronisti storici come  Timeo, Diodoro Siculo e Tucidide. 

IL nostro tour ci porta alla scoperta di queste tracce , sul filo di un racconto che tra natura e storia ci permette di scoprire quest’altro gioiello di Sicilia  iniziando con una escursione alla ricerca della tomba del Re Mini-Minosse nel luogo dove, si suppone,  potrebbe essere.

(*) Rif.to studi e pubblicazioni di  Archeologa. Dott.ssa R. M. Rita Lombardo

 

Come Prenotare
Richiedi un preventivo  (senza impegno)
Per richiedere il programma in dettaglio
Scrivi: info@turismoambientalesicilia.it – itinerari@ctasicilia.it

Contatti : ita 340 7258473 – eng 345 7306841
Whatsapp3407258473