Monte Ruvolo e il sentiero dei “Nevaroli” – Etna tour

monte ruvolo bosco centorbi

Etna Tour escursione e Parco dell’Etna – Monte Ruvolo  bosco Centorbi e il sentiero dei “Nevaroli”

Ci troviamo sull’Etna  versante di Bronte , sul sentiero lavico alternato ad una splendida vegetazione tipica della quota , una grande quantità di crateri avventizi popolano il nostro l’orizzonte  , la nostra escursione ci permette di scoprirne  diversi di questi  ma in particolare di scoprire alcuni manufatti dall’uso poco conosciuto.

monte ruvolo bosco centorbiL’uso e la conservazione del ghiaccio  legato al consumo degli  alimenti  e non solo, ha una storia lunghissima che risale molto prima dell’avvento di Cristo . Anche in  Sicilia , non è difficile trovare tracce  di questa arte  , in particolare nel medio evo nata come attività di ripiego per contadini i quali vi ricorrevano nei periodi di fermo per il lavoro nei campi.

A partire  dalla fine del  XVI° secolo assunse  connotazione  e dignità di attività di produzione e commercio vera e propria , tra gli attori di questa attività in Sicilia i “Nevaroli”  e le “Neviere”  i primi la raccoglievano la conservavano e la trasportavano , le seconde come  buche , fosse e cavità naturali e artificiali  in taluni casi sviluppati con architetture  grossolane e trasformate  in veri depositi  “Intelligenti” per la raccolta e conservazione della  neve  da ghiaccio , per uso commerciale.

L’itinerario che proponiamo ha una duplice valenza la prima , naturalistica e geologica  ,la seconda il racconto di una arte perduta.
L’itinerario si sviluppa ad anello in un  contesto paesaggistico spettacolare ,ci troviamo a circa 1200 mt s.l.m. sotto di noi Bronte , da qui, lo sguardo spazia su di un orizzonte che mostra  a 180 ° le Madonie  e  i Nebrodi.

Cammineremo  piacevolmente  “all’ombra del vulcano”  in una escursione/passeggiata  assolutamente facile e piacevole  , immersi   in uno splendido ambiente boschivo un querceto sempreverde con dominanza di leccio (Quercus ilex) accompagnato da biancospino (Crataegus monogyna), perastro (Pyrus spp.), rosa canina e terebinto (Pistacia terebinthus) e la ginestra dell’Etna Genista aetnensis , percorrendo  alcuni dei sentieri che i  “nivaroli”  già dal XVII secolo percorrevano per l’approvvigionamento e il commercio della neve.

Il paesaggio è caratterizzato da numerosi crateri avventizi che si ergono lungo il percorso quali Monte Minardo (1.304 m), Monte Ruvolo (1.410 m), Monti Tre Frati (1.384 m, 1.376 m), Monti Nespole (1.633 m, 1.725 m), anch’essi in genere coperti di bosco

Su richiesta è possibile effettuare degustazioni sul tema del  “Pistacchio di Bronte ”  

Come Prenotare
Richiedi un preventivo  (senza impegno)
Per richiedere il programma in dettaglio
Scrivi: info@turismoambientalesicilia.it – itinerari@ctasicilia.it

Contatti : ita 340 7258473 – eng 345 7306841
Whatsapp3407258473

image_pdfimage_print