Riserva di Monte Genuardo escursione tra storia e natura

Agrigento – Riserva di Monte Genuardo escursione tra storia e natura

La Riserva naturale Orientata di Monte Genuardo e Santa Maria del Bosco ricade fra i comuni di Contessa Entellina, Giuliana e Sambuca di Sicilia, in provincia di Palermo. La riserva e’ stata istituita nel 1997 ed è gestita dall’Azienda Foreste Demaniali. È un territorio molto ricco dal punto di vista geologico, botanico e faunistico. L’intera riserva è dominata dal Monte Genuardo

AgrigentoDiversi i sentieri che permettono la scoperta di questo meraviglioso luogo e di incantevoli panorami, il “Sentiero 1 ” che attraversa il bosco . il “Sentiero 2 ” attraverso il quale si possono ammirare ruderi di case rurali, la Castagliola, un punto panoramico dal quale si vede l’area archeologica di Adranone, il “Sentiero  Monte Genuardo” che  arriva sulla cima del monte dalla quale si vedono i centri abitati di Sambuca e Giuliana e i laghi Arancio e Garcia e il “Sentiero del Laghetto” che si sviluppa intorno ad un piccolo lago artificiale.

Da raggiungere assolutamente è l’Abbazia di Santa Maria del Bosco. Questa abbazia fu costruita tra il 1592 e il 1646 ed è costituita da un edificio principale che si compone di due chiostri in stile classico, il primo con pianta quadrata con al centro una fontana ottagonale, e il secondo con pianta rettangolare con al centro una fontana del 1713. Dal secondo chiostro si può accedere al refettorio all’interno del quale si trova l’affresco sulla “Moltiplicazione dei Pani”. Attraverso delle meravigliose scalinate si possono raggiungere i piani superiori.
Arte, storia e natura in questo itinerario si fondono dando vita ad un meraviglioso spettacolo.

Per la flora possiamo osservare boschi di leccio e roverella, acero campestre e sorbo montano. Accanto all’abbazia si trova un fitto bosco di lecci albero delle fagace di millenaria tradizione e diffuso anticamente in buona parte della Sicilia .

Il sottobosco è pieno di pungitopo, biancospino e rosa canina. Tra la fauna vanno menzionati conigli selvatici, gatti selvatici e martore. Per l’avifauna troviamo il picchio rosso maggiore, il picchio muratore, il rampichino, la capinera, la cinciallegra e rapaci come l’allocco, il barbagianni e la civetta.

Da punto di vista la visita ambientale , se si desidera , la visita puo essere integrata  con una interessante di borghi limitrofi che possono rendere la vista molto articolata e varia anche con la sosta prolungata e con un pernottamento . Tra i borghi da segnalare : sambuca, chiusa sclafani, caltabellotta , contessa ermellina.

Come Prenotare
Richiedi un preventivo  (senza impegno)
Per richiedere il programma in dettaglio
Scrivi: info@turismoambientalesicilia.it – itinerari@ctasicilia.it

Contatti : ita 340 7258473 – eng 345 7306841
Whatsapp3407258473

image_pdfimage_print
Open chat
1
Benvenuti su CTA SICILIA. Richiedi programmi e costi direttamente sul tuo smartphone