Gangi dei Ventimiglia e le “Paglialore” Gangitane

Gangi-ventimiglia

Gangi dei Ventimiglia e le “Paglialore” Gangitane 

Gangi-ventimigliaIl borgo di Gangi , osservato da lontano , si presenta allo sguardo  come un grande “velo di pietra chiara” adagiato sui fianchi del Monte Marone .
Ci troviamo  nel Parco delle Madonie , in uno dei borghi ,tra quelli di questa area geografica ,incluso nel club dei borghi più belli d’Italia.

Da una altitudine di 1045 mt s.l.m  tale è la quota che coincide con la 1500043322894sommità del monte su cui sorge il cuore storico del borgo, si gode di un panorama mozzafiato, ai nostri piedi  il paese con la sua caratteristica pianta feudale si snocciola in una sequenza di piccole case addossate le une alle altre, un dedalo di strette vie 1500043373068incuneate tra case che respirano una sulle altre, in un viaggio a ritroso nel tempo.

Qui a Gangi , come un poeta locale suggerisce a rumorosi visitatori …”si circati sgrusciu ‘un viniti”.

Il borgo , come si conviene ,possiede una serie di inestimabili tesori criptaarchitettonici e artistici , risultato di una storia che a partire dall’ XI secolo con l’arrivo dei primi normanni, conosce uno sviluppo e una crescita che verrà ancora protratto grazie alle famiglie nobiliari presenti, consegnando una eredità culturale che fà di  Gangi oggi il sito fascinoso che è.

Il Tour esplora e “racconta” la storia di Gangi dall’arrivo del primo cavaliere Normanno , passando per una serie di visite, alcune esclusive e predisposte  appositamente . Ecco  una breve rassegna : la bella Torre dei Ventimiglia , la torre civica, 90024_Gangi_PA,_Italy_-_panoramio_(18)il castello del borgo , il santuario dello Spirito Santo , la mater ecclesia , ricca anche artisticamente di interessanti sculture e pitture tra cui il “Giudizio universale” interpretato  dal pittore  Giacomo Salerno , le cripte IMG_20180930_120921_resized_20180930_074927373sotterranee dedicate alle sepolture del clero locale , Gangi vecchio con il monastero benedettino, le massarie fortificate di  torre Bordonaro , e torre Capuano

Infine, e non per importanza , il quartiere delle “Paglialore” con il suo dedalo di  tunnel nascosti dove si dice che i briganti gangitani trovassero riparo e protezione ,  teatro ,nei primi del 900, dell’assedio del prefetto Mori divenuto spunto letterario e cinematografico con il famoso Film di Pasquale Squitieri “Il prefetto di Ferro”. Il Tour prevede 2 visite straordinarie ,  in esclusiva  per CTA Sicilia.

Richiedi  di partecipare / Richiedi per te e il tuo gruppo
Come Prenotare
Richiedi /Preventivo   (senza impegno)
Per richiedere il programma in dettaglio
Scrivi: info@turismoambientalesicilia.it – itinerari@ctasicilia.it

Contatti : ita 340 7258473 – eng 345 7306841
Whatsapp3407258473 

image_pdfimage_print